Archivio blog

domenica 20 maggio 2018

Advanced Cancer Diagnostics Reduce Frequency of Misdiagnoses Advanced Cancer Diagnostics Riduce la frequenza delle diagnosi errate

Advanced Cancer Diagnostics Reduce Frequency of Misdiagnoses: Interview with Precipio CEO Ilan DanieliAdvanced Cancer Diagnostics Riduce la frequenza delle diagnosi errate: Intervista con il CEO di Precipio, Ilan Danieli



Segnalato dal Dott. Giuseppe Cotellessa / Reported by Dr. Giuseppe Cotellessa




According to 2010-2012 data from the National Cancer Institute (NCI), 40% of men and women will be diagnosed with cancer in their lifetime. In all its forms, cancer is known to be a clinically and emotionally challenging disease to manage. Despite the fact that each year 455 men and women per 100,000 patients are diagnosed with cancer (NCI, 2008-2012 data), 1 in 5 cancer patients are still misdiagnosed, further exacerbating the challenges of treatment for clinicians, patients, and their families.
Founded in 2011, Precipio Diagnostics out of New Haven, Connecticut is a reference laboratory using advanced diagnostics and personalized medicine to reduce the prevalence of cancer misdiagnosis. Today, Precipio reports a 99% accuracy rate in correctly diagnosing cancer patients through the company’s unique combination of offerings.
Precipio’s diagnostic services include laboratory testing and clinical review through partnerships with some of the nation’s leading medical institutions, including the Yale School of Medicine. In addition to its services, Precipio is also developing and commercializing products in line with its diagnostic services. Last month, the company filed a provisional patent for a non-invasive cell capture device for gynecological cancer detection.
To learn more about Precipio’s offerings and vision for improving cancer diagnosis, Medgadget had a chance to speak with the company’s Founder and CEO, Ilan Danieli.

Michael Batista, Medgadget: What are the causes of cancer misdiagnosis and what are the repercussions when a patient is misdiagnosed?
Ilan Danieli: There are many reasons a patient can be misdiagnosed; we believe one of the key causes of misdiagnosis is the lack of subspecialized expertise of the diagnosing pathologist. As the complexity of cancer continues to increase, the ability to correctly diagnose a patient is largely driven by the pathologist’s experience and focus. Pathology is largely a matter of pattern recognition; experience and expertise in being able to review the various components of the case (biopsy slides, clinical information, patient history); and putting together the picture to arrive at the right diagnosis. This requires significant training and the development of subspecialist expertise. Conversely, we see the pathology industry moving in the opposite direction, with pathologists functioning more as generalists, being asked to do more, review a broader range of patient types, with less training.
The repercussions of misdiagnosis can be lethal. The diagnosis sets the path for the entire treatment course the patient and their oncologist will embark on as they begin their battle against the cancer. A wrong diagnosis will send even the best and brightest of oncologists down the wrong path. To be clear, when we say misdiagnosis, the bulk of the mistakes are incorrect classification of the disease. A false positive/negative is less frequent, although sadly, it does happen, and we have seen many such cases. Misdiagnosis can result in placing the patient on the wrong treatment, which can lead to disease progression and further harm to the patient. It’s important to keep in mind that cancer treatment involves chemotherapy, which uses highly toxic drugs that are put into the patient’s body with the intent of attacking the cancer cells. With various treatments designed to attack different types of cells, administering the wrong chemotherapy drug can be catastrophic.
Another element of the diagnostic process is determining the prognosis (severity) of the disease. Many cancers are defined both by stage, as well as how aggressive they are. Less-aggressive cancers are treated in a different manner than more-aggressive cancers; the decision on how aggressively to treat the patient is based on the pathologist’s determination of the disease prognosis.

Medgadget: What are the industry standards for diagnosing cancer today which lead to these surprisingly high misdiagnosis rates?
Danieli: It’s important to understand that the diagnostic process includes two elements. The first is the laboratory work, often referred to as the “technical component,” where the biopsy is received and various tests are run on it. This includes chemical staining, laser-based analysis, chromosome evaluation, and many other tests. The industry standards are governed by Clinical Laboratory Improvement Amendments (CLIA), which mandate the method in which a laboratory test is developed and validated, and the ability to reproduce consistent results. While there are guidelines in terms of which tests are customarily ordered based on the clinical information and the type of biopsy, these tests are laboratory-developed (termed LDTs) and each laboratory may have different protocols for which tests are run and how they are set up. Many of the characteristics of the laboratory output are also driven by the medical director’s preferences and expertise. These factors can result in various degrees of variability in the output a laboratory produces.
The second element of the diagnostic process is the professional interpretation. In this step, the pathologist receives all the laboratory “outputs,” reviews all the information, and arrives at a diagnosis. The ability to arrive at the correct diagnosis is largely driven by the pathologist’s training, experience and expertise. If the pattern presenting in the slides and other materials is familiar to the pathologist, either through training or having seen it before, then there is a higher likelihood that they will arrive at the correct diagnosis. In order to qualify to render a diagnosis, the physician must be a board-certified pathologist. However, while there are many subspecialist certifications that provide a higher level of training and subspecialized expertise, there is no regulatory requirement for pathologists to complete these subspecialized training programs in order to diagnose such cases.
For example, we specialize in hematopathology (cancers of the blood system: leukemia, lymphoma, etc.), one of the most complex types of cancers to diagnose. While there is a board certification as a subspecialist hematopathologist, many pathologists with an anatomic pathology certification, who don’t have that board certification, still diagnose blood-related cancers.

Medgadget: Why did you and your team at Precipio think you could improve upon the industry standards?
Danieli: We observed a growing gap between the need for subspecialized expertise required to reach the correct diagnosis and what the industry was providing. We recognized that one of the only sources of subspecialized expertise was within premier academic institutions; however, the only patients who were benefitting from that expertise, <5% of the patients in the US, were those who were fortunate to live close to and be treated in a leading academic institution. We realized that if we could build a platform that harnessed that expertise and made it accessible to patients outside those academic institutions, we could provide a higher level of care to those patients by ensuring that the most important step in the battle against cancer—the diagnosis—was done right.

Medgadget: Precipio’s offerings include a combination of services and products. Let’s start with the services. Can you tell us a little more about how Precipio’s services such as SmartPath and SmartGen work?
Danieli: Our vision is to provide any patient, wherever they are, with access to the most accurate diagnosis. This involves access to both the best technologies in the laboratory, as well as access to the best-trained pathologist to ensure the correct diagnosis is provided. SmartGen™ and SmartPath™ provide both of these tools.
As we all are aware, genetics are becoming a key driver in identifying features of the tumor that can lead to individualized, precision treatment based on the patient’s personal genetic characteristics. SmartGen™ offers patients access to academic-based genetic tests that are developed by the researchers in some of the world’s leading cancer research institutions. This includes advanced diagnostic tests that both utilize the most cutting-edge technologies as well as incorporate the evaluation of the latest set of genes known to be associated with various cancers. This means that if a patient has a genetic mutation that may indicate a certain treatment path, these tests will likely find it.
SmartPath™ provides access to the second critical element of arriving at the correct diagnosis—access to an expert pathologist. We are building the world’s largest network of academic expert, subspecialist pathologists who will provide their expert opinion in reviewing the patient case materials and arriving at a diagnosis. Unfortunately, since we launched this service, we have overturned numerous diagnoses that we believe would have set the patient down the wrong path; some received a second opinion after commencing a treatment course that turned out to be the wrong one. Our service includes a full, comprehensive review of the materials initially generated by the primary diagnosing laboratory by an expert pathologist. Upon receipt of the case, we will triage it and assign it to the subspecialist expert within our network, to ensure that the patient and their biopsy are paired to the correct academic expert.

Medgadget: What about Precipio’s products?
Danieli: Through our recent acquisition of Transgenomic, we have developed ICE-COLD PCR (or ICP), which is our liquid biopsy technology. Prior to the emergence of the liquid biopsy, clinicians relied solely on the genetic information obtained from the biopsy of the tumor taken during disease onset. It’s rare that the patient is re-biopsied beyond that; this results in treatments administered that, absent updated genetic information, may become ineffective and perhaps even harmful.
We now know that tumors shed fragments of DNA in the bloodstream, called circulating tumor DNA. The ability to target those DNA fragments within a blood sample and enable genetic analysis, changes the way a patient’s disease progression and specifically the tumor’s genetic footprint can be monitored. Liquid biopsies are transforming cancer treatment by enabling a minimally invasive blood draw that provides a wealth of real-time, comprehensive information on the biology of the tumor itself. Clinicians no longer have to rely on outdated information from a biopsy that was taken one, two, or even five years prior. They now have current information they can act on.
Our technology enables any laboratory conducting genetic cancer testing on tissue (solid tumors) to easily, quickly, and at no incremental cost, expand their diagnostic capabilities to conduct the same genetic testing on blood samples. Furthermore, because our technology resides in a chemical and does not require any additional equipment purchased, it is affordable, easy to incorporate into the work flow, and, equally important, laboratories can stay competitive by increasing their offerings.
Medgadget: Precipio facilitates an academic research collaboration between clinicians and researchers. How does this collaboration benefit each side of the equation and what is the role of this collaboration in Precipio’s model?
Danieli: Academics conducting research are constantly in search of patient samples in order to broaden the scope and breadth of their research and further validate their discovery. Patient samples are hard to come by and are oftentimes sources from a certain geographic region, thus limiting the diversity of those samples.
Clinicians and their patients, on the other hand, are the ultimate recipients of the fruits of any research that is conducted at those academic institutions. Therefore, they have a vested interest in contributing to those studies with the hope that one day, as has happened numerous times in the past, those studies will yield medical advances that will benefit them and other patients.
Precipio facilitates that collaboration by pairing clinicians and their patients, particularly those with their diverse disease states, with academic researchers who are seeking these patient samples in order to further their research.

Medgadget: Did Precipio originally set out to be both a service and a product business, or did that strategy evolve over time as a result of market trends or needs?
Danieli: Our overall vision was always to eradicate the problem of misdiagnosis. The primary tool we believe our platform delivered was access to academic-level expert pathologists; this resulted in creating the pathology services business. However, there is no doubt that technology plays a role in arriving at a correct diagnosis, and so over time, our business evolved to begin to look at various technologies that we could incorporate into our offering. Over the past few years, we have both developed technologies in-house, such as IV-Cell and Juno, as well as acquired technologies such as ICP.

Medgadget: How do different types of stakeholders [i.e. patients, providers, payers] derive value from Precipio’s services and products? 
Danieli: All three stakeholders gain substantially from Precipio’s services providing an accurate diagnosis. The value to the patient in getting the correct diagnosis is obvious and needs no further explanation. Same for the physician, having the support of and access to an expert, subspecialized pathologist they can consult with on a specific case, is priceless in terms of formulating the correct plan of attack for the disease.
Payers play an enormous role in this process and stand to gain significantly from our services; unfortunately, the system is complex so they are also difficult to approach and can take longer to accept change. The cost of treating a cancer patient ranges from $100,000 to $250,000 depending on the type and severity of the disease. This often involves chemotherapy and other treatments that are extremely expensive and are paid for by the payers, the insurance companies. Administering the wrong treatment to the patient as a result of misdiagnosis is not only a waste of resources; it can also have downstream effects in causing the patient more harm than good, resulting in further disease progression as well as other potential ailments, which all translate into additional costs borne by the payer. Arriving at the right diagnosis ensures that the payer’s resources are correctly applied to the patient’s situation to ensure the best outcome.

Medgadget: Can you share a little about Precipio’s business model? Are your offerings covered by health insurers or would a patient need to pay out of pocket? 
Danieli: All of our tests and services are based on industry-accepted guidelines and corresponding CPT codes, and are fully recognized by insurance companies. Precipio is an approved Medicare provider and we are in-network with hundreds of insurance plans that routinely reimburse for our services. Insured patients will not incur any additional out-of-pocket costs other than their standard co-pays and deductibles.
Ultimately, we believe that as insurance companies transition from fee-for-service to value-based payment, it will become clear that the value proposition Precipio provides in terms of delivering an accurate diagnosis results in not only patient improvement but also a substantial economic impact.

Medgadget: For any disease condition, diagnosis is the first step. How does Precipio think about or play a role in the either the transition to, or next steps of, mitigation and, if possible, recovery following diagnosis?
Danieli: As a diagnostic company, we are tasked with providing information to help guide the treating physician, in cancer, the oncologist, in taking care of the patient. Therefore, our key focus is on the first, and, we believe, the most crucial step, in getting the diagnosis right. Having said that, ICP, our liquid biopsy technology, enables monitoring of the patient as they go through treatment. We now know that during the course of treatment, the genetics and biology of the tumor often change, sometimes as a result of treatment. Once these changes occur, the existing treatment may no longer be effective. ICP allows physicians to conduct repeat testing to monitor the patient’s genetics and provide a real-time picture of the current patient’s genetic profile, allowing for the adaptation of treatment to the patient’s individual genetic characteristics. This is the true revolution of precision medicine, and we are excited to play a role in this field.
ITALIANO
Secondo i dati del 2010-2012 del National Cancer Institute (NCI), nel 40% degli uomini e delle donne verrà diagnosticato un cancro nel corso della loro vita. In tutte le sue forme, il cancro è noto per essere una malattia clinicamente ed emotivamente difficile da gestire. Nonostante ogni anno 455 uomini e donne per 100.000 pazienti siano stati diagnosticati con cancro (NCI, dati 2008-2012), 1 su 5 pazienti oncologici sono ancora mal diagnosticati, aggravando ulteriormente le sfide del trattamento per i medici, i pazienti e le loro famiglie.
Fondato nel 2011, Precipio Diagnostics di New Haven, nel Connecticut, è un laboratorio di riferimento che utilizza diagnostica avanzata e medicina personalizzata per ridurre la prevalenza della diagnosi errata del cancro. Oggi, Precipio riporta un tasso di precisione del 99% nella corretta diagnosi dei pazienti oncologici attraverso la combinazione unica di offerte dell'azienda.
I servizi diagnostici di Precipio comprendono test di laboratorio e revisione clinica attraverso partnership con alcune delle principali istituzioni mediche della nazione, tra cui la Yale School of Medicine. Oltre ai suoi servizi, Precipio sta anche sviluppando e commercializzando prodotti in linea con i suoi servizi diagnostici. Il mese scorso, la società ha presentato un brevetto provvisorio per un dispositivo di cattura cellulare non invasivo per il rilevamento del cancro ginecologico.
Per saperne di più sulle offerte e la visione di Precipio per migliorare la diagnosi del cancro, Medgadget ha avuto l'opportunità di parlare con il fondatore e CEO dell'azienda, Ilan Danieli.
Michael Batista, Medgadget: Quali sono le cause della diagnosi errata del cancro e quali sono le ripercussioni quando un paziente viene mal diagnosticato?
Ilan Danieli: Ci sono molte ragioni per cui un paziente può essere erroneamente diagnosticato; crediamo che una delle cause principali di diagnosi errata sia la mancanza di esperienza subspecializzata del patologo diagnostico. Poiché la complessità del cancro continua ad aumentare, la capacità di diagnosticare correttamente un paziente dipende in gran parte dall'esperienza e dalla concentrazione del patologo. La patologia è in gran parte una questione di riconoscimento di schemi; esperienza e competenza nella possibilità di rivedere le varie componenti del caso (diapositive biopsia, informazioni cliniche, anamnesi del paziente); e mettendo insieme l'immagine per arrivare alla diagnosi giusta. Ciò richiede una formazione significativa e lo sviluppo di competenze subspecialistiche. Viceversa, vediamo l'industria della patologia muoversi nella direzione opposta, con i patologi che operano più come generalisti, che sono invitati a fare di più, a rivedere una più ampia gamma di tipi di pazienti, con meno formazione.
Le ripercussioni di una diagnosi errata possono essere letali. La diagnosi stabilisce il percorso per l'intero corso del trattamento che il paziente e il suo oncologo intraprenderanno mentre iniziano la loro battaglia contro il cancro. Una diagnosi errata invierà anche il migliore e più brillante degli oncologi sulla strada sbagliata. Per essere chiari, quando diciamo diagnosi errate, la maggior parte degli errori è una classificazione errata della malattia. Un falso positivo / negativo è meno frequente, anche se purtroppo succede e abbiamo visto molti casi simili. Una diagnosi errata può portare a sottoporre il paziente a un trattamento sbagliato, che può portare a progressione della malattia e ulteriori danni al paziente. È importante tenere presente che il trattamento del cancro prevede la chemioterapia, che utilizza farmaci altamente tossici che vengono immessi nel corpo del paziente con l'intento di attaccare le cellule tumorali. Con vari trattamenti progettati per attaccare diversi tipi di cellule, la somministrazione del farmaco chemioterapico sbagliato può essere catastrofica
Un altro elemento del processo diagnostico è la determinazione della prognosi (gravità) della malattia. Molti tumori sono definiti sia dal palco, sia dalla loro aggressività. I tumori meno aggressivi sono trattati in modo diverso rispetto ai tumori più aggressivi; la decisione su come trattare in modo aggressivo il paziente si basa sulla determinazione della prognosi della patologia da parte del patologo.
Medgadget: quali sono gli standard di settore per la diagnosi del cancro oggi che portano a questi sorprendentemente alti tassi di diagnosi errata?
Danieli: È importante capire che il processo diagnostico comprende due elementi. Il primo è il lavoro di laboratorio, spesso definito come "componente tecnico", in cui viene ricevuta la biopsia e vengono eseguiti vari test su di esso. Ciò include la colorazione chimica, l'analisi basata sul laser, la valutazione del cromosoma e molti altri test. Gli standard di settore sono disciplinati dagli emendamenti di miglioramento del laboratorio clinico (CLIA), che impongono il metodo con cui un test di laboratorio viene sviluppato e convalidato e la capacità di riprodurre risultati coerenti. Sebbene esistano linee guida in base alle quali i test sono ordinariamente ordinati in base alle informazioni cliniche e al tipo di biopsia, questi test sono sviluppati in laboratorio (definiti LDT) e ciascun laboratorio può avere protocolli diversi per i quali vengono eseguiti i test e come sono impostati su. Molte delle caratteristiche della produzione di laboratorio sono anche guidate dalle preferenze e dalle competenze del direttore medico. Questi fattori possono determinare vari gradi di variabilità nell'output prodotto da un laboratorio.
Il secondo elemento del processo diagnostico è l'interpretazione professionale. In questa fase, il patologo riceve tutte le "uscite" del laboratorio, rivede tutte le informazioni e arriva a una diagnosi. La capacità di arrivare alla diagnosi corretta è in gran parte determinata dalla formazione, esperienza e competenza del patologo. Se il modello che si presenta nelle diapositive e in altri materiali è familiare al patologo, sia attraverso l'allenamento che dopo averlo visto prima, allora c'è una maggiore probabilità che arrivino alla diagnosi corretta. Per qualificarsi a rendere una diagnosi, il medico deve essere un patologo certificato da bordo. Tuttavia, sebbene esistano molte certificazioni subspecialistiche che forniscono un livello più elevato di formazione e competenze specialistiche, non vi è alcun obbligo normativo per i patologi di completare questi programmi di formazione sottospecializzati al fine di diagnosticare tali casi.
Ad esempio, siamo specializzati in ematopatologia (tumori del sistema sanguigno: leucemia, linfoma, ecc.), Uno dei più complessi tipi di cancro da diagnosticare. Mentre esiste una certificazione di bordo come ematopathologist subspecialist, molti patologi con una certificazione di patologia anatomica, che non hanno quella certificazione di asse, ancora diagnosticano cancri di sangue.
Medgadget: Perché tu e il tuo team in Precipio pensavate di poter migliorare gli standard del settore?
Danieli: Abbiamo notato un divario crescente tra la necessità di competenze specialistiche necessarie per raggiungere la diagnosi corretta e ciò che l'industria stava fornendo. Abbiamo riconosciuto che una delle uniche fonti di esperienza subspecializzata era all'interno delle istituzioni accademiche premier; tuttavia, gli unici pazienti che stavano beneficiando di tale esperienza, <5% dei pazienti negli Stati Uniti, erano quelli che avevano la fortuna di vivere vicino e di essere trattati in una delle principali istituzioni accademiche. Ci siamo resi conto che se potessimo costruire una piattaforma che sfruttasse quell'esperienza e la rendesse accessibile ai pazienti al di fuori di quelle istituzioni accademiche, potremmo fornire un livello più alto di assistenza a quei pazienti garantendo che il passo più importante nella battaglia contro il cancro: la diagnosi -è stato fatto bene.
Medgadget: le offerte di Precipio includono una combinazione di servizi e prodotti. Iniziamo con i servizi. Puoi dirci qualcosa in più su come funzionano i servizi di Precipio come SmartPath e SmartGen?
Danieli: La nostra visione è di fornire a qualsiasi paziente, ovunque si trovi, l'accesso alla diagnosi più accurata. Ciò comporta l'accesso sia alle migliori tecnologie in laboratorio, sia all'accesso al patologo meglio addestrato per garantire la corretta diagnosi. SmartGen ™ e SmartPath ™ forniscono entrambi questi strumenti.
Come tutti sappiamo, la genetica sta diventando un fattore chiave nell'identificazione delle caratteristiche del tumore che può portare a un trattamento individualizzato e di precisione basato sulle caratteristiche genetiche personali del paziente. SmartGen ™ offre ai pazienti l'accesso a test genetici basati sull'accademico che vengono sviluppati dai ricercatori in alcune delle principali istituzioni di ricerca sul cancro al mondo. Ciò include test diagnostici avanzati che utilizzano entrambe le tecnologie più all'avanguardia e incorporano la valutazione dell'ultimo set di geni noti per essere associati a vari tumori. Ciò significa che se un paziente ha una mutazione genetica che può indicare un determinato percorso di trattamento, è probabile che questi test lo trovino.
SmartPath ™ fornisce l'accesso al secondo elemento critico per arrivare alla corretta diagnosi dell'accesso a un patologo esperto. Stiamo costruendo la più grande rete mondiale di esperti accademici, patologi subspecialisti che forniranno la loro opinione di esperti nel rivedere i materiali dei casi dei pazienti e arrivare a una diagnosi. Sfortunatamente, da quando abbiamo lanciato questo servizio, abbiamo annullato numerose diagnosi che, a nostro avviso, avrebbero portato il paziente su una strada sbagliata; alcuni hanno ricevuto una seconda opinione dopo aver iniziato un corso di trattamento che si è rivelato essere quello sbagliato. Il nostro servizio include una revisione completa e completa dei materiali inizialmente generati dal laboratorio diagnostico primario da un patologo esperto. Una volta ricevuto il caso, lo tratteremo  e lo assegneremo all'esperto subspecialista all'interno della nostra rete, per garantire che il paziente e la sua biopsia siano abbinati all'esperto accademico corretto.
Medgadget: che ne pensi dei prodotti Precipio?
Danieli: Attraverso la nostra recente acquisizione di Transgenomic, abbiamo sviluppato ICE-COLD PCR (o ICP), che è la nostra tecnologia di biopsia liquida. Prima dell'emergenza della biopsia liquida, i clinici si affidavano esclusivamente alle informazioni genetiche ottenute dalla biopsia del tumore durante l'insorgenza della malattia. È raro che il paziente venga sottoposto a biopsia oltre a questo; questo si traduce in trattamenti amministrati che, in assenza di informazioni genetiche aggiornate, possono diventare inefficaci e forse addirittura dannosi.
Ora sappiamo che i tumori versano frammenti di DNA nel sangue, chiamato DNA tumorale circolante. La capacità di indirizzare i frammenti di DNA all'interno di un campione di sangue e di abilitare l'analisi genetica, cambia il modo in cui la progressione della malattia del paziente e in particolare l'impronta genetica del tumore possono essere monitorati. Le biopsie liquide stanno trasformando il trattamento del cancro, consentendo un prelievo di sangue minimamente invasivo che fornisce una ricchezza di informazioni complete e in tempo reale sulla biologia del tumore stesso. I medici non devono più fare affidamento su informazioni obsolete da una biopsia che è stata presa uno, due o addirittura cinque anni prima. Ora hanno informazioni aggiornate su cui possono agire.
La nostra tecnologia consente a qualsiasi laboratorio che esegue test genetici sul cancro (tumori solidi) di tessuti in modo semplice, rapido e senza costi incrementali, amplia le loro capacità diagnostiche per condurre gli stessi test genetici su campioni di sangue. Inoltre, poiché la nostra tecnologia risiede in una sostanza chimica e non richiede alcuna attrezzatura aggiuntiva acquistata, è economica, facile da incorporare nel flusso di lavoro e, altrettanto importante, i laboratori possono rimanere competitivi aumentando le loro offerte.
Medgadget: Precipio facilita una collaborazione di ricerca accademica tra clinici e ricercatori. In che modo questa collaborazione giova a ciascun lato dell'equazione e qual è il ruolo di questa collaborazione nel modello di Precipio?
Danieli: gli accademici che conducono ricerche sono costantemente alla ricerca di campioni di pazienti al fine di ampliare la portata e l'ampiezza della loro ricerca e ulteriormente convalidare la loro scoperta. I campioni dei pazienti sono difficili da reperire e spesso provengono da una determinata regione geografica, limitando così la diversità di questi campioni.
I medici e i loro pazienti, d'altra parte, sono i destinatari finali dei frutti di qualsiasi ricerca condotta in quelle istituzioni accademiche. Pertanto, hanno interesse a contribuire a quegli studi con la speranza che un giorno, come è successo numerose volte in passato, quegli studi produrranno progressi medici che andranno a beneficio loro e altri pazienti.
Precipio facilita tale collaborazione associando i medici ed i loro pazienti, in particolare quelli con i loro diversi stati patologici, con ricercatori accademici che stanno cercando questi campioni di pazienti per favorire la loro ricerca.
Medgadget: Precipio inizialmente si proponeva di essere sia un servizio che un business di prodotto, oppure questa strategia si è evoluta nel tempo a causa di tendenze o esigenze del mercato?
Danieli: La nostra visione generale era sempre quella di sradicare il problema della diagnosi errata. Lo strumento principale che riteniamo sia stata la nostra piattaforma è stato l'accesso a patologi esperti a livello accademico; questo ha portato alla creazione del business dei servizi di patologia. Tuttavia, non vi è alcun dubbio che la tecnologia abbia un ruolo nel giungere a una diagnosi corretta, e così nel tempo la nostra attività si è evoluta per iniziare a esaminare varie tecnologie che potremmo integrare nella nostra offerta. Negli ultimi anni abbiamo sviluppato sia internamente tecnologie come IV-Cell e Juno, sia tecnologie acquisite come ICP.
Medgadget: come fanno i diversi tipi di stakeholder [vale a dire pazienti, fornitori, pagatori] a trarre valore dai servizi e dai prodotti di Precipio?
Danieli: tutti e tre gli stakeholder guadagnano sostanzialmente dai servizi di Precipio fornendo una diagnosi accurata. Il valore per il paziente nell'ottenere la diagnosi corretta è ovvio e non ha bisogno di ulteriori spiegazioni. Lo stesso per il medico, con il supporto e l'accesso a un esperto, patologo sottospecializzato di cui possono consultare un caso specifico, non ha prezzo in termini di formulazione del piano di attacco corretto per la malattia.
I pagatori svolgono un ruolo enorme in questo processo e stanno guadagnando significativamente dai nostri servizi; sfortunatamente, il sistema è complesso, quindi sono anche difficili da approcciare e può richiedere più tempo per accettare il cambiamento. Il costo del trattamento di un malato di cancro varia da $ 100.000 a $ 250.000 a seconda del tipo e della gravità della malattia. Questo spesso comporta chemioterapia e altri trattamenti che sono estremamente costosi e sono pagati dai pagatori, le compagnie di assicurazione. L'amministrazione del trattamento sbagliato per il paziente a causa di una diagnosi errata non è solo uno spreco di risorse; può anche avere effetti a valle nel causare al paziente più danni che benefici, con conseguente ulteriore progressione della malattia e altri potenziali disturbi, che si traducono tutti in costi aggiuntivi a carico del pagatore. Arrivare alla giusta diagnosi assicura che le risorse del pagatore siano correttamente applicate alla situazione del paziente per garantire il miglior risultato.
Medgadget: puoi condividere un po 'del modello di business di Precipio? Le vostre offerte sono coperte da assicuratori sanitari o il paziente ha bisogno di pagare di tasca propria?
Danieli: Tutti i nostri test e servizi si basano su linee guida accettate dall'industria e codici CPT corrispondenti e sono pienamente riconosciuti dalle compagnie assicurative. Precipio è un fornitore di servizi sanitari approvati e siamo in rete con centinaia di piani assicurativi che rimborsano regolarmente i nostri servizi. I pazienti assicurati non dovranno sostenere costi addizionali extra diversi dai loro co-pays standard e franchigie.
In definitiva, riteniamo che le compagnie di assicurazione passeranno dal pagamento per il servizio al pagamento basato sul valore, sarà chiaro che la proposta di valore Precipio fornisce in termini di risultati accurati di diagnosi non solo per il miglioramento del paziente ma anche per un sostanziale impatto economico .
Medgadget: per qualsiasi condizione di malattia, la diagnosi è il primo passo. In che modo Precipio pensa o gioca un ruolo nella transizione o nella fase successiva della mitigazione e, se possibile, nel recupero dopo la diagnosi?
Danieli: Come società di diagnostica, abbiamo il compito di fornire informazioni per aiutare a guidare il medico curante, nel cancro, l'oncologo, nel prendersi cura del paziente. Pertanto, il nostro obiettivo principale è il primo, e, crediamo, il passo più cruciale per ottenere la diagnosi giusta. Detto questo, ICP, la nostra tecnologia di biopsia liquida, consente il monitoraggio del paziente durante il trattamento. Ora sappiamo che durante il corso del trattamento, la genetica e la biologia del tumore spesso cambiano, a volte come risultato del trattamento. Una volta che si verificano questi cambiamenti, il trattamento esistente potrebbe non essere più efficace. L'ICP consente ai medici di condurre ripetuti test per monitorare la genetica del paziente e fornire una visione in tempo reale del profilo genetico del paziente corrente, consentendo l'adattamento del trattamento alle caratteristiche genetiche individuali del paziente. Questa è la vera rivoluzione della medicina di precisione, e siamo entusiasti di avere un ruolo in questo campo.
Da:
https://www.medgadget.com/2018/05/advanced-cancer-diagnostics-reduce-frequency-of-misdiagnoses-interview-with-precipio-founder-and-ceo-ilan-danieli.html