Archivio blog

sabato 12 maggio 2018

Healthcare on the Blockchain, Day 1: Tech Primer, Use Cases, & Privacy / Salute su Blockchain, 1 Giorno: Tech Primer, Uso e Riservatezza.

Healthcare on the Blockchain, Day 1: Tech Primer, Use Cases, & Privacy / Salute su Blockchain, 1 Giorno: Tech Primer, Uso e Riservatezza.


Segnalato dal Dott. Giuseppe Cotellessa / Reported by Dr. Giuseppe Cotellessa










Blockchain technology is poised to revolutionize a number of industries from fintech to medtech and everywhere in between. While much of the recent hype around blockchains has more specifically focused on cryptocurrencies, which are built using, but not synonymous with, blockchain, other real-world applications of the underlying technology are beginning to receive more attention.
Last week in Washington, DC, the Insight Exchange Network (IEN) hosted “Healthcare on the Blockchain” and the “Government Blockchain Leadership Forum,” a duo of events focused on discussing many of these applications and organized to provide a framework for executives in decision-making roles to better understand what many perceive to be a daunting, untenable buzzword. Medgadgethad the opportunity to attend the event’s healthcare-specific track to learn more about this young, but powerful digital technology as well as its relevance to medicine.

 Both tracks of the event had the opportunity to kick things off with a three hour blockchain workshop, which served as an industry-agnostic primer to introduce the concept of blockchain and dive a little into the details of the technology. Jim St. Clair, Founder of the Institute for Healthcare Financial Technology and CTO of Dinocrates Group, LLC, ran the workshop. Before getting into the event coverage, the following is a brief summary of some key takeaways from the workshop that also help set the scene for the rest of Medgadget’scoverage of the event.

Abbreviated Blockchain Technology Primer

Bitcoin and blockchain are not the same thing. Blockchain is the technology upon which Bitcoin, a digital currency or cryptocurrency, is built. There can be and are many blockchains, and many cryptocurrencies for various industry and application-specific uses. Blockchain technology, in and of itself, is not a new technology. It combines many existing concepts, including large databases, voluntary participants, peer-to-peer networks, distributed ledgers, and cryptography, to protect against fraud. There are three levels of how blockchain technology is currently being used: (1) storage of digital records, (2) exchange of digital assets in the form of tokens, and (3) execution of smart contracts. Smart contracts set the ground rules for how transactions take place, execute the contracts while monitoring compliance, and automatically validate the results of each transaction.
In the absence of institutional trust from a single source, blockchain relies on consensus, which is where the concept of mining comes from. Each new block added to a given blockchain must follow an accepted consensus model approved by the democratic network of nodes. The biggest difference between consensus models is the level of agreement between participants. For example, Bitcoin’s consensus model requires 51% approval of all nodes for addition of a new block to its blockchain. Encryption of information on a blockchain is achieved by hash functions which map data of arbitrary size to data of a fixed size through a cryptographic method or algorithm. Hash function outputs have the property of being unique, as one hash represents one unique input, asymmetric, as a hash cannot be reverse engineered, and random, because there is no pattern between inputs and outputs.
There are many myths surrounding blockchain. To shed some light on a few: (1) Blockchains are trustless. There is always some level of trust required and blockchain networks can be disrupted if that trust falls apart. (2) Blockchains are immutable or tamper proof. Transactions on a blockchain can be reversed and tampered blocks can be successfully added to a blockchain by network participants under specific circumstances, such as having enough users to achieve consensus or if enough nodes collude. (3) Blockchains are 100% secure. Blockchains are not inherently more secure than other systems or offer network security above and beyond traditional network security. Using an immutable cryptographic hash does confer a strong sense of security but there are theoretical limits on that security and that security is not conveyed to data referenced by blockchain transactions that is housed off-chain.

Event Coverage

Following Jim’s workshop and lunchtime networking, each track of the conference kicked off in full beginning, on the healthcare side, with an executive roundtable featuring moderator Daniel J. Gietl, Principal for IT Advisory Technology Transformation at Ernst & Young LLP, and panelists Cab Morris, CEO of Attest, Stephan Baur, Principal IT Architect at Kaiser Permanente, and Kyle Culver, Solution Architect at Humana.

For the session, Daniel asked the panelists whether they agreed or disagreed with a series of statements and to elaborate on their positions. Panelists, and attendees, unanimously disagreed with the first statement that “blockchain is the same thing as bitcoin.” There was also a consensus regarding the statement that “blockchain technology is a new concept.” Kyle, in the same vein as Jim from the earlier workshop, held that the collection of components related to blockchain are not new, though the combination of them is unique. Stephan added that the operational mode and B2B space related to blockchain is also completely new, which contributes to his excitement about the technology. The statement, “blockchains are capable of supporting big data solutions,” led to some discussion on what support really means. Kyle believes that blockchains can enable and help inform big data activities but support of the data itself will not come from blockchain itself. He used the analogy that a blockchain should be treated like a library card catalog that points to where the books are but does not hold the books themselves. Cab agreed with this perspective and added that the value of a blockchain is in tying disparate data sources together in a network where the value of that data changes.
Daniel next asked the panel to respond to the statement that “the blockchain-application vendor landscape is complicated and constantly needs reevaluation.” Stephan contended that it is not the vendor landscape that needs ongoing evaluation but the open source landscape upon which the applications and vendors will build their solutions. Cab added that there is a distinction between people innovating in a permission-heavy, private, enterprise-focused world, and others who are building public solutions with tokens. Cab thinks both have their limitations since private blockchains may prove to not be as valuable in the long-term, while public blockchains may be unable to scale and meet the needs of enterprises. The result is that there is a lot of room for innovation and it is still early days for blockchain on both sides, since neither can yet claim to meet the needs of every use case.

Following the executive roundtable, Nicole Cathcart, Director of Innovation for Cambia Healthcare Solutions, took the stage to speak about identifying opportunities to implement blockchain within an organization. A good reference shared by Nicole during her talk is a rubric generated by the World Economic Forum, which steps through 11 questions to help assess the viability of using blockchain technology to solve a specific challenge or fill a given need.The final statement posed to the panel was that “implementing blockchain requires a big capital investment and finding someone with experience in the technology is challenging.” Overall, the panel seemed to believe that the need for a huge capital investment is a myth, though finding capable technology resources with experience in blockchain is still a limiting factor today.
Speaking more about her own organization’s experiences, Nicole provided another frame of reference for evaluating blockchain projects: considering the axes of transformational vs actionable. Some needs, such as paying employees or corporate asset tracking, have proven value and will generate internal support and familiarity within an organization making them very easy to put into action, though they don’t completely transform the way the business operates. Others, such as peer-to-peer insurance or consumer-to-provider contracting, are newer concepts and have the potential to transform business models but are less actionable due to their novelty.
A specific example of an idea once explored at Cambia that sits high on both axes is prior authorization. Nicole’s organization estimated that the cost of a physician interacting with health plans by filling out and faxing forms for about 20 hours per week represented a cost of $83,000 per physician. Failure to secure prior authorization is also very disruptive to the consumer experience, especially when a patient needs to pay out of pocket for a procedure. Smart contracts implemented using blockchain technology could automate the execution of prior authorization by pulling relevant background data from the electronic medical record (EMR) and using the data to execute a decision on an authorization through a rules engine.

Jennifer Georgino, Editor of Blockchain Healthcare Review, moderated the next session featuring David Houlding, Director of Healthcare Privacy & Security at Intel, and Adrian Gropper, CTO of Patient Privacy Rights. Commenting on the use of blockchain in healthcare, David believes that personal health information, which he defines as anything that can locate, contact, or identify an individual, should be kept off-chain. Instead, blockchains should hold unique pointers, similar to Kyle’s library card catalog analogy from earlier, that are unrelated to sensitive information. In this way, if a patient no longer wants to participate in a network or wants their data forgotten, their off-chain information can be removed essentially, de-identifying the patient from a blockchain. Another consideration mentioned by David are the data retention laws, like HIPAA, that sometimes conflict with patient requests for deletion of information.

Adrian presented a strong perspective on the concept of public versus private blockchains. In banking, as an example, private blockchains are being considered among networks of banks. In that situation all banks have an interest in knowing the correct distribution of financial assets. However, if you take a network of hospitals and create a private blockchain among them, now each hospital will potentially be able to see how many customers the other hospitals have, the frequency of patient visits, and other information hospitals consider proprietary today. The distinction, Adrian contends, is that in healthcare assets are not fungible, creating a difference in motivation of network participants. Generalizing the point, there are still competitive concerns with assets on a blockchain. Organizations begin to get wary when you ask them to put information on a blockchain and trust that competitors cannot take advantage of what they learn.
The last session of the day came from main event sponsor Luxoft speaking about their experience leveraging blockchains in healthcare. Medgadgehad a chance to sit down and speak with Luxoft during the event. Stay tuned for more on that interview as well as coverage of Day 2 at “Healthcare on the Blockchain.”A more contentious discussion point during the session focused on the elephant in the room of EMRs who all manage their own, proprietary data silos of medical information. David believes a common denominator of EMRs is that they are customer driven, meaning it will be the providers who will end up demanding to have data made available through blockchains. Adrian, on the other hand, agrees that blockchain technology enables physicians and patients to become consumers, but pushed back on their ability to enact change given that these entities are not used to being consumers with market power over EMRs. Additionally, Adrain pointed out that EMR vendors are facing the challenge of being told to both provide availability and functionality for consumers in an efficient way but that these services will be available to patients, who have a right to their information, free of charge. The result is that EMR vendors end up being marginalized.
ITALIANO
La tecnologia blockchain è pronta a rivoluzionare una serie di industrie dalla fintech alla medtech e ovunque nel mezzo. Mentre gran parte del recente hype sulle blockchain si concentra più specificamente sulle criptovalute, che sono costruite usando, ma non sinonimo, blockchain, altre applicazioni reali della tecnologia sottostante stanno iniziando a ricevere più attenzione.
La scorsa settimana a Washington, DC, l'Insight Exchange Network (IEN) ha ospitato "Healthcare on the Blockchain" e il "Government Blockchain Leadership Forum", un duo di eventi incentrato sulla discussione di molte di queste applicazioni e organizzato per fornire un quadro per i dirigenti in ruoli decisionali per capire meglio ciò che molti percepiscono come una parola d'ordine scoraggiante, insostenibile. Medgadget ha avuto l'opportunità di partecipare alla traccia specifica dell'evento per la salute per saperne di più su questa giovane, ma potente tecnologia digitale e sulla sua rilevanza per la medicina.
Entrambe le tracce dell'evento hanno avuto l'opportunità di dare il via ad un workshop di blockchain di tre ore, che è servito come un primer agonistico del settore per introdurre il concetto di blockchain e immergersi un po 'nei dettagli della tecnologia. Jim St. Clair, fondatore dell'Istituto per la tecnologia finanziaria sanitaria e CTO di Dinocrates Group, LLC, ha diretto il seminario. Prima di entrare nella copertura dell'evento, il seguente è un breve riassunto di alcuni aspetti chiave del workshop che aiutano anche a preparare la scena per il resto della raccolta di Medgadget dell'evento.
Primer per tecnologia blockchain abbreviato
Bitcoin e blockchain non sono la stessa cosa. Blockchain è la tecnologia su cui è costruito Bitcoin, una valuta digitale o criptovaluta. Possono esserci e sono molti blockchain e molte criptovalute per vari usi industriali e applicativi specifici. La tecnologia blockchain, di per sé, non è una nuova tecnologia. Combina molti concetti esistenti, inclusi database di grandi dimensioni, partecipanti volontari, reti peer-to-peer, libri contabili distribuiti e crittografia, per proteggersi dalle frodi. Esistono tre livelli di utilizzo della tecnologia blockchain: (1) archiviazione di record digitali, (2) scambio di risorse digitali sotto forma di token e (3) esecuzione di contratti intelligenti. I contratti intelligenti stabiliscono le regole fondamentali su come le transazioni avvengono, eseguono i contratti mentre monitorano la conformità e convalidano automaticamente i risultati di ciascuna transazione.
In assenza di fiducia istituzionale da un'unica fonte, la blockchain si basa sul consenso, da cui proviene il concetto di estrazione. Ogni nuovo blocco aggiunto a una determinata blockchain deve seguire un modello di consenso accettato approvato dalla rete democratica di nodi. La più grande differenza tra i modelli di consenso è il livello di accordo tra i partecipanti. Ad esempio, il modello di consenso di Bitcoin richiede il 51% di approvazione di tutti i nodi per l'aggiunta di un nuovo blocco alla sua blockchain. La crittografia delle informazioni su una blockchain viene ottenuta mediante funzioni di hash che mappano i dati di dimensione arbitraria a dati di una dimensione fissa tramite un metodo o algoritmo crittografico. Gli output della funzione hash hanno la proprietà di essere univoci, in quanto un hash rappresenta un input univoco, asimmetrico, poiché un hash non può essere decodificato e casuale, perché non esiste un pattern tra input e output.
Ci sono molti miti che circondano la blockchain. Per far luce su alcuni: (1) Blockchains sono senza fiducia. C'è sempre un certo livello di fiducia richiesto e le reti blockchain possono essere interrotte se tale fiducia cade a pezzi. (2) Le blockchain sono immutabili o a prova di manomissione. Le transazioni su una blockchain possono essere invertite e i blocchi manomessi possono essere aggiunti con successo a una blockchain dai partecipanti alla rete in circostanze specifiche, come avere abbastanza utenti per raggiungere il consenso o se un numero sufficiente di nodi collude. (3) I blockchain sono sicuri al 100%. I blockchain non sono intrinsecamente più sicuri di altri sistemi o offrono la sicurezza della rete oltre la tradizionale sicurezza di rete. L'utilizzo di un hash crittografico immutabile conferisce un forte senso di sicurezza, ma ci sono limiti teorici su tale sicurezza e tale sicurezza non viene trasferita ai dati a cui fanno riferimento le transazioni blockchain che sono ospitate fuori catena.
Copertura degli eventi
Seguendo il workshop di Jim e il networking della pausa pranzo, ogni traccia della conferenza è iniziata a pieno titolo, dal punto di vista sanitario, con una tavola rotonda esecutiva con il moderatore Daniel J. Gietl, preside per l'IT Technology Transformation presso Ernst & Young LLP, e i membri del comitato Cab Morris , CEO di Attest, Stephan Baur, Principal IT Architect presso Kaiser Permanente e Kyle Culver, Solution Architect presso Humana.
Per la sessione, Daniel ha chiesto ai relatori se erano d'accordo o in disaccordo con una serie di dichiarazioni e di elaborare le loro posizioni. I partecipanti sono stati all'unanimità in disaccordo con la prima affermazione secondo cui "la blockchain è la stessa cosa del bitcoin". C'era anche un consenso riguardo alla dichiarazione che "la tecnologia blockchain è un nuovo concetto." Kyle riteneva che la raccolta di componenti relative alla blockchain non fosse nuova, sebbene la loro combinazione sia unica. Stephan ha aggiunto che anche la modalità operativa e lo spazio B2B relativo alla blockchain sono completamente nuovi, il che contribuisce alla sua eccitazione per la tecnologia. La dichiarazione, "blockchains è in grado di supportare soluzioni di big data", ha portato ad alcune discussioni su cosa significhi veramente supporto. Kyle ritiene che i blockchain possano abilitare e aiutare a informare le attività dei big data, ma il supporto dei dati stessi non proviene dalla blockchain stessa. Ha usato l'analogia che una blockchain dovrebbe essere trattata come un catalogo di carte della biblioteca che indica dove sono i libri ma non tiene i libri stessi. La cabina è stata d'accordo con questa prospettiva e ha aggiunto che il valore di una blockchain consiste nel legare insieme fonti di dati disparate in una rete in cui il valore di tali dati cambia.
Daniel ha poi chiesto al gruppo di rispondere alla dichiarazione secondo cui "il panorama dei fornitori di applicazioni blockchain è complicato e necessita costantemente di rivalutazione". Stephan ha affermato che non è il panorama del fornitore che necessita di una valutazione continua ma il panorama open source su cui le applicazioni e i venditori costruirà le loro soluzioni. Cab ha aggiunto che c'è una distinzione tra le persone che innovano in un permesso: un mondo pesante, privato, focalizzato sull'impresa, e altri che stanno creando soluzioni pubbliche con i token. Cab ritiene che entrambi abbiano i loro limiti dal momento che i blockchain privati ​​potrebbero rivelarsi non preziosi come a lungo termine, mentre i blockchain pubblici potrebbero non essere in grado di scalare e soddisfare i bisogni delle imprese. Il risultato è che c'è molto spazio per l'innovazione ed è ancora presto per blockchain su entrambi i lati, poiché nessuno dei due può ancora pretendere di soddisfare le esigenze di ogni caso d'uso.
Seguendo la tavola rotonda esecutiva, Nicole Cathcart, direttore dell'Innovazione per Cambia Healthcare Solutions, è intervenuta per parlare dell'identificazione delle opportunità per implementare la blockchain all'interno di un'organizzazione. Un buon riferimento condiviso da Nicole durante il suo intervento è una rubrica generata dal World Economic Forum, che passa attraverso 11 domande per aiutare a valutare la fattibilità dell'utilizzo della tecnologia blockchain per risolvere una sfida specifica o soddisfare una determinata necessità. Il punto era che "implementare blockchain richiede un grosso investimento di capitale e trovare qualcuno con esperienza nella tecnologia è impegnativo." Nel complesso, il gruppo sembrava credere che la necessità di un enorme investimento di capitale fosse un mito, pur trovando che le risorse tecnologiche capaci con esperienza in  blockchain è ancora un fattore limitante oggi.
Parlando più delle esperienze della propria organizzazione, Nicole ha fornito un altro quadro di riferimento per valutare i progetti blockchain: considerando gli assi di trasformazione vs azione. Alcune esigenze, come il pagamento dei dipendenti o il monitoraggio delle risorse aziendali, hanno un valore comprovato e generano supporto interno e familiarità all'interno di un'organizzazione che le rende molto facili da mettere in atto, sebbene non trasformino completamente il modo in cui opera l'azienda. Altri, come l'assicurazione peer-to-peer o la contrattazione da consumatore a fornitore, sono concetti più nuovi e hanno il potenziale per trasformare i modelli di business ma sono meno attuabili a causa della loro novità.
Un esempio specifico di un'idea, una volta esplorata a Cambia che si trova in alto su entrambi gli assi, è un'autorizzazione preventiva. L'organizzazione di Nicole stimava che il costo di un medico che interagiva con i piani sanitari compilando e inviando fax per circa 20 ore alla settimana rappresentava un costo di $ 83.000 per medico. La mancata autorizzazione preventiva è anche molto dirompente per l'esperienza del consumatore, specialmente quando un paziente deve pagare di tasca propria per una procedura. I contratti intelligenti implementati utilizzando la tecnologia blockchain potrebbero automatizzare l'esecuzione dell'autorizzazione preventiva estraendo dati di base pertinenti dalla cartella clinica elettronica (EMR) e utilizzando i dati per eseguire una decisione su un'autorizzazione attraverso un motore di regole.
Jennifer Georgino, redattore di Blockchain Healthcare Review, ha moderato la prossima sessione con David Houlding, direttore di Healthcare Privacy & Security di Intel, e Adrian Gropper, CTO di Patient Privacy Rights. Commentando l'uso della blockchain nell'assistenza sanitaria, David ritiene che le informazioni sulla salute personale, che definisce come qualcosa che può localizzare, contattare o identificare un individuo, dovrebbero essere tenute fuori catena. Invece, le blockchain dovrebbero contenere puntatori unici, simili all'analogia del catalogo delle carte della biblioteca di Kyle di prima, che non sono correlati alle informazioni sensibili. In questo modo, se un paziente non vuole più partecipare a una rete o desidera che i suoi dati vengano dimenticati, le loro informazioni fuori catena possono essere rimosse essenzialmente, deselezionando il paziente da una blockchain. Un'altra considerazione menzionata da David sono le leggi sulla conservazione dei dati, come HIPAA, che a volte sono in conflitto con le richieste dei pazienti per la cancellazione delle informazioni.


Adrian ha presentato una forte prospettiva sul concetto di blockchain pubblico contro privato. Nel settore bancario, ad esempio, le blockchain private sono considerate tra le reti di banche. In tale situazione, tutte le banche hanno interesse a conoscere la corretta distribuzione delle attività finanziarie. Tuttavia, se si prende una rete di ospedali e si crea una blockchain privata tra di loro, ora ogni ospedale sarà potenzialmente in grado di vedere quanti clienti hanno gli altri ospedali, la frequenza delle visite dei pazienti di altri ospedali,  informazioni considerate proprietarie oggi. La distinzione, sostiene Adrian, è che i beni sanitari non sono fungibili, creando una differenza nella motivazione dei partecipanti alla rete. Generalizzando il punto, ci sono ancora problemi di concorrenza con le attività su una blockchain. Le organizzazioni iniziano a diffidare quando chiedi loro di mettere le informazioni su una blockchain e si fidano che i concorrenti non possano trarre vantaggio da ciò che apprendono.

L'ultima sessione del giorno è arrivata dallo sponsor principale dell'evento Luxoft che parlava della loro esperienza sfruttando le blockchain nel settore sanitario. Medgadget ha avuto la possibilità di sedersi e parlare con Luxoft durante l'evento. Restate sintonizzati per ulteriori informazioni sull'intervista e sulla copertura del Day 2 in "Healthcare on the Blockchain". Un punto di discussione più controverso durante la sessione si è concentrato sull'elefante nella stanza degli EMR che gestiscono tutti i propri silos di dati proprietari di informazione dei medici. David crede che un comune denominatore degli EMR sia che sono guidati dai clienti, il che significa che saranno i fornitori a dover chiedere dati resi disponibili tramite blockchain. Adrian, d'altra parte, concorda sul fatto che la tecnologia blockchain consente ai medici e ai pazienti di diventare consumatori, ma ha rinviato la loro capacità di attuare un cambiamento, dato che queste entità non sono abituate a essere consumatori con potere di mercato sugli EMR. Inoltre, Adrain ha sottolineato che i fornitori di sistemi EMR stanno affrontando la sfida di essere entrambi informati per fornire disponibilità e funzionalità ai consumatori in modo efficiente, ma che questi servizi saranno disponibili per i pazienti, che hanno diritto alle loro informazioni, gratuitamente. Il risultato è che i fornitori di EMR finiscono per essere emarginati.


Da:
https://www.medgadget.com/2018/05/healthcare-on-the-blockchain-day-1-tech-primer-use-cases-privacy.html