Archivio blog

domenica 22 aprile 2018

Crispr per la prima volta modifica il dna al di fuori della cellula / Crispr for the first time modifies DNA outside the cell

Crispr per la prima volta modifica il dna al di fuori della cellulaCrispr for the first time modifies DNA outside the cell

Segnalato dal Dott. Giuseppe Cotellessa / Reported by Dr. Giuseppe Cotellessa


via Pixabay
via Pixabay

Utilizzando particolari molecole di dna non necessarie per mantenerla in vita si possono modificare i geni umani più velocemente. Uno strumento potenzialmente utile per la diagnostica dei tumori.


Crispr oggi diventa “cell-free”. La nuova tecnica di editing (modifica) del genoma per realizzare terapie geniche, che ha rivoluzionato la medicina e la bioingegneria, si trasforma ancora e stavolta agisce al di fuori della cellula.
Come? Modificando il dna dei plasmidi, molecole di dna nella cellula che non sono essenziali per la sua sopravvivenza. Così, questi componenti potranno essere prelevati dalle cellule umane e manipolati con Crispr in vitro, cioè in provetta o su piastra di Petri, senza la cellula. A presentare questa nuova tecnologia è un gruppo di ricerca guidato dal Gene Editing Institute del Christiana Care Health System, negli Usa. I risultati sono appena stati pubblicati su CRISPR Journal.
Gli autori descrivono il nuovo metodo in cui, dopo aver estratto i frammenti di dna da cellule umane, queste parti possono essere ingegnerizzate in maniera veloce e precisa, inserendo delle modifiche nel codice genetico, ma senza bisogno della cellula. Il risultato rappresenta un avanzamento tecnico che apre nuove prospettive diagnostiche e strategie di trattamento mirate sul singolo paziente, come spiegano gli autori.
“Con questo nuovo avanzamento dovremmo essere in grado di lavorare con colture di laboratorio e applicare modifiche geniche in meno di un giorno”, ha spiegato Eric Kmiec, autore principale dello studio. “Questo è particolarmente importante per la diagnostica legata al trattamento dei tumori, in cui il tempo è essenziale”. Nel cancro, infatti, le mutazioni che causano la diffusione della malattia sono differenti da paziente a paziente ed individuarle rapidamente è importante per sviluppare terapie mirate.
ENGLISH
Using particular DNA molecules not necessary to keep it alive can change human genes faster. A potentially useful tool for diagnosing tumors.
Crispr today becomes "cell-free". The new technique of editing (modifying) the genome to realize gene therapies, which has revolutionized medicine and bioengineering, is transformed again and this time acts outside the cell.
As? By modifying the DNA of the plasmids, DNA molecules in the cell that are not essential for its survival. Thus, these components can be taken from human cells and handled with Crispr in vitro, that is in a test tube or on a Petri dish, without the cell. Presenting this new technology is a research group led by the Gene Editing Institute of the Christiana Care Health System, in the USA. The results have just been published on CRISPR Journal.
The authors describe the new method in which, after extracting the DNA fragments from human cells, these parts can be engineered in a quick and precise way, inserting some changes in the genetic code, but without the need for the cell. The result represents a technical advancement that opens new diagnostic perspectives and treatment strategies aimed at the individual patient, as the authors explain.
"With this new advance we should be able to work with laboratory cultures and apply gene changes in less than a day," explained Eric Kmiec, lead author of the study. "This is particularly important for diagnostics linked to the treatment of tumors, where time is of the essence". In cancer, in fact, the mutations that cause the spread of the disease are different from patient to patient and quickly identify them is important to develop targeted therapies.
Da;
https://www.wired.it/scienza/biotech/2018/04/20/crispr-la-volta-modifica-dna-al-della-cellula/